Vogliamo agevolare la tua visita. We want to make your visit easier.

La festa delle Marie durante il Carnevale di Venezia

La festa sarebbe stata introdotta attorno all'anno 943, ma ufficialmente si hanno notizie solamente a partire dal 1039.

Per fare chiarezza sull'origine della festa occorre fare un passo indietro: il 2 Febbraio, giorno della purificazione di Maria, a Venezia veniva celebrato il giorno della benedizione delle spose.
Presso la Basilica di San Pietro di Castello venivano benedetti collettivamente i matrimoni di 12 ragazze, scelte tra le più povere e più belle della città. A queste fanciulle erano concessi in prestito dal Doge i gioielli e gli ori provenienti dal tesoro della città e venivano inoltre coinvolte le famigli patrizie con delle donazioni. In seguito al matrimonio che si svolgeva pertanto con la presenza del Doge e della nobiltà veneziana, le ragazze venivano accompagnate in corteo per la città e invitate dal Doge a palazzo per un ricco ricevimento.

Nel 943, proprio durante le celebrazioni del matrimonio, alcuni pirati istriani avrebbero rapito le dodici ragazze con tutti i gioielli della dote. Il Doge stesso con alcuni veneziani inseguirono i pirati e li raggiunsero nei pressi di Caorle, dove li attaccarono e uccisero, liberando così le ragazze e i gioielli. Il Doge, per non dare la possibilità di commemorare i pirati uccisi, dispose che venissero tutti gettati in mare e anche che il luogo in cui avvenne questo episodio si chiamasse Porto delle Donzelle (nome che rimane ancora oggi).

La Festa delle Marie sarebbe stata istituita proprio per celebrare annualmente questa vittoria sui pirati: venivano scelte dodici ragazze (rinominate Marie) tra le più belle di Venezia, alle quali le famiglie patrizie fornivano abiti e gioielli. Le ragazze, sfilando per la città a bordo di barche partecipavano a funzioni religiose, balli e rinfreschi organizzati dai cittadini. Nel corso degli anni vennero effettuate diverse modifiche nella durata dell'evento e nel numero delle Marie, fino ad arrivare anche a sostituire le ragazze con delle sagome (per evitare che la popolazione desse più importanza alle fanciulle che alle celebrazioni religiose), ma questo suscitò le proteste dei cittadini che iniziarono a lanciare sassi e ortaggi sulle figure e nel 1349 venne varata una legge che vietava il lancio di oggetti verso di esse.

La Festa delle Marie decadde e venne soppressa nel 1379, per essere poi ripresa, nel 1999, tra le manifestazioni del Carnevale moderno, con alcune varianti.

Nel Carnevale moderno, infatti, viene unita la rievocazione storica ad un concorso di bellezza in costume: nelle settimane precedenti, attraverso una selezione, vengono scelte le dodici Marie che sfileranno nel corteo con damigelle d'onore, sbandieratori, musicisti e figuranti, che solitamente si svolge durante il primo sabato del Carnevale. Il giorno successivo le damigelle sfilano nuovamente e viene proclamata la vincitrice, che, oltre a ricevere un premio, viene nominata Maria dell'anno.

Vuoi fare una breve vacanza per partecipare a questo evento? Richiedi un reventivo personalizzato

Quale località Italiana ti piacerebbe visitare?

Cerca un luogo che ti piacerebbe visitare, conoscere e scoprire

I cookie ci aiutano a migliorare la fruizione del nostro sito. Scopri di più